Cantina Gnavi Carlo

Cantina

Caluso

BENVENUTI ALLA CANTINA GNAVI CARLO


La Cantina Gnavi è per chi ama i vini preziosi che raccontano la storia di una famiglia e di un territorio, nettari che devono essere sorseggiati con calma e assaporati lentamente.


LA CANTINA GNAVI CARLO

La cantina Gnavi è (ri)conosciuta tra gli estimatori soprattutto per il Caluso Passito Riserva “Revej”, invecchiato un minimo di 8 anni, ovvero finché il mastro Carlo Gnavi lo ritiene pronto per essere imbottigliato, tempo necessario per fargli acquisire le qualità peculiari, quelle di un “vino da meditazione” frutto del tempo e della miglior tradizione calusiese.

Dall’inizio del ‘900 la famiglia Gnavi di Caluso lega il suo nome all’Erbaluce. Se l’attività principale era quella di carradori, ricordata ancora oggi nel logo aziendale, la passione per il vino fece sì che nel 1906 il loro Caluso Passito fosse premiato alla prima Esposizione Internazionale di Milano.

Gli anni ’50 sono quelli della svolta, il Cavalier Giovanni Gnavi dà inizio all’impresa enoica commercializzandone i prodotti; fu il primo della famiglia ad imbottigliare l’“oro” del Canavese e a firmare le etichette delle bottiglie. Negli anni ’90 entra in cantina l’innovazione, sempre nel solco della tradizione, con i figli Carlo e Guglielmo: nascono così le prime bottiglie di fermo e alcuni anni dopo si dà avvio anche alla spumantizzazione secondo Metodo Classico.

Oggi continuano la tradizione Carlo e il figlio di Guglielmo, Giorgio, producono vini preziosi che raccontano la storia di una famiglia e di un territorio nettari che devono essere sorseggiati con calma e assaporati lentamente.

    DOVE L’ERBALUCE INCONTRA L’ARTE


    Vini che favoriscono la riflessione e hanno fatto della Cantina Gnavi un luogo dove l’Erbaluce incontra l’arte e la creatività. Le mura della storica cantina ospitano esposizioni temporanee di apprezzati artisti e nella corte vengono organizzati eventi a tema dove si possono incontrare pittori, scultori, e artigiani del gusto per una sorprende scoperta del Canavese.

    La visita in cantina è un’esperienza tra sapori, colori e racconti di vita contadina.
    Dalla corte della cascina, per conoscere la storia, …
    … alla sala delle degustazione, dove il soffitto affrescato rimanda alla prima professione della famiglia Gnavi. Vi si trovano raffigurati dei cavalli bianchi, a memoria di quelli arabi che trainavano i carri di famiglia all’inizio del secolo scorso.
    … alla bicentenaria cantina per “sentire” l’amore racchiuso nelle bottiglie riposte ordinatamente e rese ancora più attraenti dalle opere artistiche che si possono ammirare nelle esposizioni temporanee.

    Vini prodotti con uve di grande qualità, che consento un lavoro minimo in cantina, grazie al grande impegno in vigna, i grappoli sono selezionati a mano come la tradizione richiede: prima le uve per il passito, poi le uve per il fermo e infine quelle per lo spumante.

    I VINI


    Dal passito del capostipite, prodotto con le uve fatte “passire” nel sottotetto in inverno, che andavano a sostituire l’essiccazione delle foglie del tabacco e precedevano, in primavera, l’allevamento dei bachi da seta nutriti con le foglie di gelso,…
    al passito di oggi, che continua ad essere prodotto secondo le origini, con le uve selezionate e raccolte a mano, dai vigneti a pergola canavesana, i mosti fermentati naturalmente sotto le “travate” e il lungo invecchiamento, tutti procedimenti che raccontano la storia dell’Erbaluce e degli uomini che gli hanno dato lustro.

    Uve selezionate con dedizione e passione per una produzione di eccellenza che non supera le 6.000 bottiglie all’anno nelle tre versioni.

    • CAV. GIOVANNI
    • TURBANTE
    • TURBANTE
    • REVEJ
    • CAV. GIOVANNI

      Erbaluce di Caluso DOCG

      Tipologia
      Vino bianco secco
      Vitigno
      100% Erbaluce di Caluso
      Terreno
      Sabbioso, di origine morenica a costituzione principalmente silicea
      Vigneti
      Le aree vitate, storiche e da sempre di proprietà della famiglia Gnavi, sono site in zone ben soleggiate e d’elezione per la viticoltura canavesana, ed occupano versanti e creste (bricchi) di colline nel comune di Caluso, ad un’altitudine compresa tra i 320-360 m slm. Il vitigno Erbaluce è allevato esclusivamente secondo il metodo tradizionale della pergola canavesana o “tendone” (topia), con grande cura manuale
      Raccolta
      Seconda decade di settembre
      Vinificazione
      Il processo enologico produttivo è semplice e segue i dettami della tradizione avvalendosi di tecnologie
      all’avanguardia per ottenere un prodotto di qualità.
      Il primo passo, molto importante, prevede un’accurata selezione delle uve, sane e con adeguato grado di maturazione; seguono poi rapida torchiatura ed infine la fermentazione che avviene in vasche d’acciaio a temperatura controllata senza passaggio in legno
      Caratteristiche
      Colore giallo paglierino lucente con riflessi verde brillante.
      Profumo vinoso e delicato, caratterizzato da sentori erbacei, di frutti acerbi e fiori bianchi dove a tratti
      emergono sentori di erbe aromatiche come salvia e timo.
      Sapore fresco, secco con spiccata acidità e sapidità: le note minerali caratterizzano questo vino rendendolo unico e mai banale.
      Gradazione alcolica
      12,5 % Vol.

    • TURBANTE

      Erbaluce di Caluso DOCG Spumante Pas Dosé Millesimato

      Tipologia
      Spumante Metodo Classico bianco secco (Brut)
      Vitigno
      100% Erbaluce di Caluso
      Terreno
      Sabbioso, di origine morenica a costituzione principalmente silicea
      Vigneti
      Le aree vitate, storiche e da sempre di proprietà della famiglia Gnavi, sono site in zone ben soleggiate e d’elezione per la viticoltura canavesana, ed occupano versanti e creste (bricchi) di colline nel comune di Caluso, ad un’altitudine compresa tra i 320-360 m slm. Il vitigno Erbaluce è allevato esclusivamente secondo il metodo tradizionale della pergola canavesana o “tendone” (topia), con grande cura manuale
      Raccolta
      prima decade di Settembre
      Vinificazione
      La prima fermentazione è effettuata in acciaio cui segue, nella primavera dell’anno successivo la vendemmia, la rifermentazione in bottiglia secondo il Metodo Classico. Le bottiglie sono conservate in ambiente coibentato, a temperatura controllata. Questo vino spumante resta in affinamento su lieviti per almeno 48 mesi, sino al raggiungimento di una piacevole ed adeguata maturità. Seguirà la sboccatura che non prevede l’aggiunta di un liqueur d’expédition in modo da esaltare al meglio la purezza e l’essenzialità dell’Erbaluce
      di Caluso, nelle sue note minerali ed erbacee.
      Caratteristiche
      Colore giallo paglierino lucente, perlage molto fine, elegante e setoso, persistente che produce in superficie una spuma leggera, evanescente.
      Profumo caratteristico e complesso, tra cui emergono sentori di crosta di pane, note minerali e l’essenza di erbe aromatiche e officinali
      Il sapore si presenta asciutto, sapido ed armonico con una spiccata mineralità ed un’adeguata acidità che ben bilancia la struttura complessa del vino, con una nota amaricante finale che ben caratterizza questo spumante frutto dell’essenzialità dell’ottima longevità dell’Erbaluce di Caluso.
      Gradazione alcolica
      12% Vol.

    • TURBANTE

      Erbaluce di Caluso DOCG Spumante Brut Millesimato

      Tipologia
      Spumante Metodo Classico bianco secco (Brut)
      Vitigno
      100% Erbaluce di Caluso
      Terreno
      Sabbioso, di origine morenica a costituzione principalmente silicea
      Vigneti
      Le aree vitate, storiche e da sempre di proprietà della famiglia Gnavi, sono site in zone ben soleggiate e d’elezione per la viticoltura canavesana, ed occupano versanti e creste (bricchi) di colline nel comune di Caluso, ad un’altitudine compresa tra i 320-360 m slm. Il vitigno Erbaluce è allevato esclusivamente secondo il metodo tradizionale della pergola canavesana o “tendone” (topia), con grande cura manuale

      Raccolta
      prima decade di Settembre
      Vinificazione
      La prima fermentazione è effettuata in acciaio cui segue, nella primavera dell’anno successivo la vendemmia, la rifermentazione in bottiglia secondo il Metodo Classico. Le bottiglie sono conservate in ambiente coibentato, a temperatura controllata. Questo vino spumante resta in affinamento su lieviti per almeno 24 mesi, sino al raggiungimento di una piacevole maturità. Seguirà la sboccatura che prevede l’aggiunta di un liqueur d’expédition che ha nella sua formulazione dell’Erbaluce di Caluso Passito d’annata, per dare origine ad un Brut singolare e raffinato.
      Caratteristiche
      Colore giallo paglierino brillante, perlage fine ed elegante, persistente, che produce in superficie una spuma leggera, evanescente.
      Profumo delicato e stimolante, caratterizzato da sentori di crosta di pane e di frutta secca, tra cui fanno capolino note agrumate, di fiori bianchi primaverili e di miele di acacia.
      Il sapore si presenta fresco ed armonico con un adeguata mineralità ed una piacevole acidità che ben bilancia la struttura complessa del vino.
      Gradazione alcolica
      12% Vol.

    • REVEJ

      Caluso DOC Passito Riserva

      Tipologia
      Vino bianco passito dolce
      Vitigno
      100% Erbaluce di Caluso
      Terreno
      Sabbioso, di origine morenica a costituzione principalmente silicea
      Vigneti
      Le aree vitate, storiche e da sempre di proprietà della famiglia Gnavi, sono site in zone ben soleggiate e d’elezione per la viticoltura canavesana, ed occupano versanti e creste (bricchi) di colline nel comune di Caluso, ad un’altitudine compresa tra i 320-360 m slm. Il vitigno Erbaluce è allevato esclusivamente secondo il metodo tradizionale della pergola canavesana o “tendone” (topia), con grande cura manuale
      Raccolta
      Prima settimana di settembre, selezione rigorosissima delle uve adatte l’appassimento: grappoli piccoli, radi e colore ambrato a perfetta maturazione
      Vinificazione
      I grappoli accuratamente selezionati vengono appassiti naturalmente in fruttaio, su stuoie disposte in ambienti riparati e ben aerati nelle parti superiori (solai) dei casolari canavesani. Dopo 4-6 mesi, ad appassimento ultimato, si procede alla disacinatura ed alla pressatura. Il denso mosto ottenuto verrà fermentato in botte di acciaio e, dopo la decantazione e ripetuti travasi, verrà affinato in acciaio e cemento per i successivi 8-10 anni, il tempo necessario per ottenere un prodotto che rispecchi i canoni della tradizione, unico e prezioso.
      Prima di essere messo in commercio, si ricostituisce in bottiglia per almeno un anno e può essere lasciato evolvere per numerosi anni, anche decenni.
      Caratteristiche
      Colore ambrato, lucente con riflessi oro e rame.
      Profumo ricco ed intenso, etereo di grande complessità che racchiude note fruttate e speziate. Il suo sapore, dolce mai stucchevole regala una sensazione di pienezza che pervade la bocca portando alla mente sentori di
      miele di castagno, frutta appassita, scorze d’agrumi, vaniglia, caramello ed una nota amara finale.
      Gradazione alcolica
      14% Vol.

    Don Guglielmo e Petronilla


    Don Guglielmo 1918

    Vermouth di Torino Superiore

    A base di Erbaluce di Caluso DOCG è preparato con le principali erbe e spezie: assenzio, achillea millefoglie, sambuco, coriandolo, dittamo, pompelmo, zenzero, arancia, menta, pepe.

    Petronilla

    Spumante rosato brut metodo classico

     Con uvaggi a bacca rossa: Barbera, Bonarda, Freisa e Neretto di San Giorgio. Le etichette sono state realizzate dagli studenti del liceo Martinetti di Caluso prendendo spunto dai manifesti pubblicitari Olivetti.

    Visite in Cantina


    La cantina Gnavi apre le porte al pubblico per offrire un’esperienza unica, tra sapori eccellenti, odori e racconti affascinanti. Il percorso comincia nella corte della cascina, il luogo che accoglie i visitatori e che si presta a rievocare la storia della nostra famiglia e del suo legame con il vitigno Erbaluce. Si accede poi al tempio della vinificazione, la cantina vera e propria, dove sveliamo tutti i segreti del nostro lavoro, dalle tradizioni più antiche alle tecnologie più innovative. 

    Nel corso della visita non può mancare il rito della degustazione, un momento celebrato nel salone impreziosito da affreschi degli inizi del secolo scorso. Qui un brindisi con i vini Gnavi, accompagnando ogni calice con assaggi dei migliori prodotti del paniere locale.

    Prossimi eventi

    dicembre, 2021


    In evidenza

    Arte e Gusto in Canavese

    Due appuntamenti annuali da non perdere!

    Uno primaverile con “Alice nel Canavese – la festa delle Meraviglie” ed uno nel periodo natalizio “ARTEinCORTE …nel cortile di Re SultaNino”.

    Nella corte della cascina, scenografia dello spettacolo, vanno in scena Interpreti in Arte e Interpreti con Gusto con una performance alla scoperta dell’enogastronomia e dell’arte del territorio!

    Gli ospiti accolti da un calice di Erbaluce di Caluso DOCG offerto dai padroni di casa, Carlo e Giorgio Gnavi potranno conoscere le eccellenze gastronomiche in scena e ammirare le opere degli artisti presenti.

    CONTATTI E ORARI

    VIENI A TROVARCI

    Via Cesare Battisti, 8
    10014 Caluso TO
    IT

    Ultimo aggiornamento: 08.10.2020

    Seguici

    Visit Canavese è un progetto di proprietà di

    Seguici sui social

    Visit Canavese è un progetto di proprietà di

    2021 © CanaveseLab3.0 di Scagnolari Sonia - P.IVA IT11971220014 - Tutti i diritti riservati

    Condividi con un amico
    Ti invio questo link perchè penso possa interessarti.

    Cantina Gnavi Carlo, https://visitcanavese.it/cantina-gnavi-carlo/