Skip to main content

IV edizione per Polimorfa


Scritto il 20 Aprile 2024
Dal 4 maggio prende il via la rassegna di arti performative diretta e organizzata dal Collettivo Biloura in Valchiusella

Gli spettacoli proposti nel programma si snodano  in 9 appuntamenti affidando ai linguaggi della danza, del rituale collettivo, della musica e dell’indagine sociale il compito di restituire “ad arte” la complessità della vita. Come sempre la rassegna mette al centro il pubblico, invitato a partecipare direttamente alle performance e – come d’abitudine – ai dibattiti che ne seguono, nella convinzione che la democrazia e la pace passino anche da qui. Polimorfa 2024 è un augurio: connettiamoci, colleghiamo i puntini di questo presente confuso. La figura che ne uscirà potrebbe rivelarsi straordinaria

Quest’anno la rassegna presenta una serie di spettacoli che interrogano da prospettive diverse quel confine tra sé e l’altro da sé, ciò che è casa e ciò che non lo è, ciò che è mio, caro, curato e custodito e ciò che è distante, di altra gente, non mio, talvolta nemico, talvolta insignificante. Su quella linea di margine sbocciano le dinamiche del disinteresse per le sofferenze del pianeta, del mondo, della democrazia. Sbocciano anche le dinamiche della violenza, da quella che si scatena tra popoli in guerra come tra tifoserie sui social, e all’interno di noi stessi.

POLIMORFA allora intende tracciare un fil rouge che dai fomentatori d’odio all’oppressione dei luoghi e delle genti, cuce una traccia sul tema della connessione. La connessione come pratica antiviolenta, come difesa immunitaria che può sostenerci culturalmente e socialmente, come antidoto al cedere alle forze bellicose che ci circondano e – anche – che abitano dentro di noi. È col teatro, la danza, la musica e la performance contemporanea che l’arte detona il proprio potere trasformativo per i luoghi montani, dove POLIMORFA riesce a portare residenze artistiche internazionali, performance partecipative e spettacoli dai contenuti e dalle forme coraggiose e poco convenzionali, nella volontà di connettere spazio rurale e scena sperimentale italiana, due elementi che BILOURA considera solo apparentemente antitetici.

Calendario appuntamenti

La rassegna prende il sabato 4 maggio alle ore 16.00, con MY HOUSE IS AT WAR di BILOURA Intercultural Arts Collective (Valchiusella), performance partecipativa che invita il pubblico a riflettere sul significato di “casa” in un mondo segnato da conflitti, grandi e piccoli, anche interiori.

Venerdì 10 maggio alle 20.30, è  la volta di DALL’ALTRA PARTE presentato da ZEROGRAMMI (Torino), un delicato spettacolo di danza che esplora la ricerca di speranza e di nuovo significato in un mondo segnato dalla distruzione.

Continuando il viaggio sabato 11 maggio alle 20.30, KEPLER 452 (Bologna) presenta  GLI ALTRI – INDAGINE SUI NUOVISSIMI MOSTRI, una provocatoria indagine teatrale sul concetto di “Altri” nella società contemporanea a partire dal fenomeno degli haters sui social.

Domenica 12 maggio alle 16.00, VIAGGI CON L’ASINO di Claudio Zanotto Contino (Cuceglio) propone QUALCOSA DI NON ANTROPOCENTRICO, spettacolo di narrazione itinerante che ci riporta con brio antico il legame tra l’uomo e la natura attraverso fiabe e leggende della Valchiusella.

Venerdì 17 maggio alle 20.30, è la volta di PASOLINI – SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI di MARGOT THEATRE (Roma), spettacolo di danza che esplora la vita e la poetica di Pier Paolo Pasolini, donando alla rassegna il ritratto di uno dei maggiori intellettuali e artisti del Novecento, versatile, radicale e impossibile da dimenticare.

Sabato 18 maggio alle 21.30, un appuntamento extra Corto Circuito, POLIMORFA ospita  NAVENERA (Piemonte) in concerto, che presenterà il nuovo album In Fondo, offrendo al pubblico un viaggio musicale attraverso canzoni che utilizzano l’atto creativo come arma di ribellione.

In coda di rassegna troviamo domenica 19 maggio alle ore 16.00, 18.00 e 20.00, A THOUSAND WAYS: UN’ASSEMBLEA di 600 HIGHWAYMEN / SARDEGNA TEATRO, una performance partecipativa che coinvolge il pubblico in un’esperienza unica di interazione, 20 persone per volta, esplorando la zona d’ombra tra l’estraneità e la parentela, tra la distanza e la prossimità.

Venerdì 24 maggio si resta in teatro una notte intera, infatti dalle ore 23:00 di venerdì alle ore 6:00 di mattina va in scena ELEMENTARE di Collettivo Amigdala (Modena), un’evocazione del rito in uno spazio attrezzato per il sonno, attraverso il canto polifonico. Canto alla notte, tempo sospeso di parole che si modellano nella musica.

La rassegna termina domenica 17 maggio alle ore 17:00 con PALCO APERTO, momento di performance libera da parte di chiunque voglia esibirsi, che culminerà con la stand up comedy The Gold Show di Giorgia Goldini (Torino): comica, amara, intelligente, poetica senza troppe pretese.

PER INFO e PRENOTAZIONI

rassegnapolimorfa@gmail.com

+39 324 626 9676

WEB www.biloura.com/italiano/polimorfa/
INSTAGRAM polimorfa_arti_performative

FACEBOOK Polimorfa – Rassegna di Arti Performative in Valchiusella